GIOACCHINO MURAT (prezzo a richiesta)

Portantina utilizzata dal generale Gioacchino Murat, sin qui custodita dalla nobile famiglia trentina De’ Negri di San Pietro. I Negri de S. Pietro possono a ragione essere considerati la più antica famiglia nobiliare ancora vivente di Trento, dove fu soprannominata dei “Boni Homines”, in specie per la particolare bontà, generosità e dedizione al pubblico bene di molti dei suoi membri.

COD: 001 Categorie: ,

Descrizione

Essi giunsero nel territorio tridentino già nel XII secolo dai Grigioni, dove erano chiamati Nigri o Muri, come è attestato da parecchi documenti del tempo esistenti nell’archivio della città di Coira. Si legarono con vincoli di parentela ad alcuni dei più antichi e prestigiosi casati nobiliari, fra tutti i Vanga, i Gandi, i Belenzani, estinti i quali la linea vitale invece della stirpe dei Negri de S. Pietro ha germogliato sino ai giorni nostri.” (Araldica Tridentina di Gian Maria Rauzi – ed Grafiche Artigianelli).

Il dott. Giuseppe de Negri de San Pietro, antenato della più antica famiglia di Trento, figlio del notaio Pietro e amministratore della Ca’ di Dio e successivamente della Congregazione Carità di Trento, riuscì a persuadere Napoleone a non portare via tutto il denaro destinato ai poveri, ma a restituirne la metà. In cambio di questa concessione ospitò presso la casa torre di famiglia in Piazza Duomo il convalescente cognato di Napoleone, generale Gioacchino Murat, nominato Re di Napoli dallo stesso Napoleone. La portantina venne dunque usata per trasportare durante il suo soggiorno a Trento il generale Murat, che, andandosene dalla città, lasciò anche le sue due feluche (bicorni francesi).

La portantina è realizzata in legno laccato con rilievi dorati; all’interno è rivestita in velluto rosso con tendine in lino alle tre finestre. Sempre all’interno sono custodite le cinghie in cuoio originali, per il trasporto e le due feluche napoleoniche appartenute al generale Murat. Altezza portantina cm 155, lunghezza pali cm 260.

Rassegna stampa

Napoleone a Trento di Aldo Bertoluzza